News

Smart Collaboration in GEA: Come ti costruisco il “WhatsApp” aziendale!

 01/08/2017

 News

 2 min.


Smart Collaboration l’innovazione vissuta sul campo - GEA e DIGILAN

  Gestione Documentale Collaborativa, Collaboration, Collaborazione aziendale, Smart Collaboration, CaseFlow, TopMedia Social NED, Case History, Magazine, Digital Transformation

GEAI benefici dei progetti collaborativi nell’esperienza diretta di due imprese di diverse dimensioni

GEA: come ti costruisco il “WhatsApp” aziendale!

"La mia idea era quella di costruire una specie di “WhatsApp” aziendale – dice Adriano Braghieri, General Manager di GEA, piccola e innovativa società di Settimo Milanese specializzata in sistemi di disinfestazione e di monitoraggio degli infestanti delle derrate e degli ambienti. La disponibilità degli strumenti collaborativi di Top Consult ci ha consentito di realizzarla concretamente e di cominciare a lavorare mediante gruppi di lavoro che condividono file e problematiche”

“Coinvolgere le persone attorno ad un progetto comune, in cui tutti possono dare un contributo diretto, è uno stimolo alla partecipazione attiva”

GEA è un’azienda conto-terzista di produzione, impegnata ogni giorno nello sviluppo di prodotti a marchio del cliente; da gennaio, per tutti i nuovi prodotti viene lanciato un gruppo di lavoro collaborativo che deve gestire la commessa portando a compimento il progetto in tempi ragionevoli. Un tipico gruppo è composto ad esempio da una persona acquisti, commerciale di riferimento, manager, controllo qualità e responsabile produzione. Ad oggi nello sviluppo prodotti sono un centinaio i progetti toccati dal nuovo modo di lavorare in forma collaborativa. Altri gruppi di lavoro, più ampi, riguardano la qualità; più avanti si valuterà anche l’uso, per i progetti più complessi, della gestione collaborativa delle pratiche (CaseFlow). 

“La logica del Collaboration è vincente, perché è un modo di lavorare completamente nuovo ed elimina le email”

Un dato positivo è proprio la facilità di attivazione del gruppo di lavoro, dovuta al fatto che in pratica è un “WhatsApp” e non richiede conoscenze particolari visto che le persone lo usano già con i loro smartphone a casa e nel tempo libero. Braghieri partecipa direttamente a pochi gruppi di lavoro, quelli di competenza diretta o per sviluppi fuori standard che richiedono investimenti a monte o cambiamenti nei processi. Un’assistente dell’ufficio tecnico è stata chiamata a coordinare gruppi di lavoro e funzioni partecipanti. “Il nuovo modo di lavorare è stato un investimento sicuramente positivo – aggiunge Braghieri – sta prendendo piede e deve consolidarsi; da solo non può fare miracoli e le resistenze al cambiamento non mancano mai. Ma coinvolgere le persone attorno a un progetto comune, in cui tutti possono dare un contributo diretto, è uno stimolo alla partecipazione attiva. E poi l’uso di notifiche e bacheca al posto delle email è un grosso passo avanti che consente di ridurre un problema comune a tutti; il nostro firewall ad esempio ha filtrato 5.000 email spam in pochi giorni. Ridurre le email vuol dire non solo perdere meno tempo per leggerle, smistarle e archiviarle, ma anche ridurre i rischi di intrusione e cryptolocker”.

 Vedi Case Study Digilan 

Articoli correlati

News

Smart Collaboration l’innovazione vissuta sul campo - DIGILAN e GEA

I benefici dei progetti collaborativi nell’esperienza diretta di due imprese di diverse dimensioni Digilan: Tutti vogliono i gruppi di lavoro!

Continua

Eventi

Immagina un'azienda senza e-mail - Roadshow

Ogni giorno centinaia, migliaia di e-mail arrivano ed escono dai nostri server. Ma ormai l’e-mail non basta più, in pratica vedremo i nuovi scenari di comunicazione

Continua

Eventi

Convegno di presentazione della Ricerca dell'Osservatorio

La Ricerca 2014-2015 dell'Osservatorio Collaborative Business Application, analizza il supporto collaborativo ai processi aziendali.

Continua

Eventi

Gruppo PRADA, progetto di Gestione Documentale e Conservazione Digitale

3 piattaforme documentali enterprise per 1.200 utenti contemporanei che gestiscono 6 archivi documentali, 7 archivi di conservazione digitale disponibili per 12 Company.

Continua