News

Nel manuale di gestione documentale vengono delineati i principi e definite le regole per la gestione della documentazione prodotta e archiviata in modo elettronico dalle pubbliche amministrazioni. Quali sono i vantaggi?

 27/03/2019

 News

 3 min.


Manuale di gestione documentale: che cos'è e a che cosa serve

  Gestione Documentale, Conservazione Digitale, Digitalizzazione, Gestione Documentale Collaborativa, Manuale della Conservazione, Document Management

Il manuale di gestione documentale, previsto dall'articolo 5 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 3 dicembre 2013, è il documento attraverso il quale vengono delineati i principi e definite le regole per la gestione della documentazione prodotta e archiviata in modo elettronico dalle pubbliche amministrazioni. Questo strumento operativo, in pratica, illustra le regole di funzionamento del sistema di gestione, anche ai fini della conservazione, dei documenti informatici e fornisce le istruzioni per il corretto funzionamento del servizio e dei responsabili per la tenuta del protocollo informatico, della gestione dei flussi documentali e dell'archiviazione.

Il protocollo informatico, anche con le sue funzionalità minime, costituisce l'infrastruttura di base tecnico-funzionale su cui avviare il processo di ammodernamento e di trasparenza dell'attività dell'amministrazione; esso concretamente indica le condizioni operative per una più efficace gestione del flusso informativo e documentale interno all’amministrazione anche ai fini dello snellimento delle procedure. E naturalmente, il protocollo fa fede, anche con effetto giuridico, dell’effettivo ricevimento e spedizione di un documento.


Manuale di gestione documentale: che cos'e' e a che cosa serve


Obiettivo del manuale di gestione documentale è descrivere sia le attività da svolgere per gestire i documenti amministrativi a partire dalla fase di protocollazione della corrispondenza in ingresso e in uscita e di quella interna, sia le funzionalità disponibili per gli addetti al servizio e per i soggetti esterni che a diverso titolo interagiscono con l'amministrazione. Più nello specifico, il manuale è articolato in due parti: nella prima vengono indicati l'ambito di applicazione, le definizioni usate nel documento stesso e i principi generali del sistema; nella seconda sono descritte analiticamente le procedure di gestione dei documenti e dei flussi documentali. Il manuale di gestione documentale è destinato alla più ampia diffusione interna ed esterna alle amministrazioni e risulta uno strumento prezioso per tutte le organizzazioni, esso costituisce una guida per la PA, ma anche un riferimento per le imprese in quanto fornisce le istruzioni complete al fine di mettere in atto quel prezioso circolo virtuoso che è determinato dalla digitalizzazione dei processi documentali.

 I vantaggi derivati dalla gestione documentale digitale

Adottare soluzioni digitali di gestione documentale significa poter far sparire dai propri uffici la carta e tutte le attività a essa legate. L'organizzazione può quindi sperimentare due benefici immediati in seguito al loro utilizzo:

  • un aumento della produttività: basti pensare che si stima che un dipendente impieghi circa 3 ore e mezza per cercare documenti, 3 ore alla settimana per riprodurli oltre 4 per gestirne le varie approvazioni, mentre grazie alla gestione elettronica dei documenti questi tempi sono quasi azzerati;
  • diminuire le inefficienze: per esempio, quelle riconducibili agli effetti di errori manuali, i ritardi dovuti alla mancata sincronizzazione delle varie attività e a una gestione dei flussi di lavoro destrutturata.

In particolare, Top Consult, in base alla propria esperienza sul campo, ha calcolato che una diminuzione del 90% dei tempi di ricerca dei documenti e dell’80% di quelli relativi alla loro archiviazione: sono solo due degli aspetti della gestione documentale digitale che assicurano ritorni significativi, considerando che proprio ricerca e archiviazione rappresentano le fasi più ripetitive e facilmente automatizzabili.

La società ha reso noti alcuni dati relativi a un ipotetico progetto di gestione documentale che coinvolge 3 manager, 5 quadri, 1 professionale, 14 impiegati e 2 segretarie, per un organico complessivo di 25 persone. Valutando il tempo dedicato alle due fasi sopra indicate e il valore di tale tempo si è arrivati a capire quanto costa fare archiviazione e ricerca manuali, calcolando quindi le percentuali di risparmio sopra citate, emerge un valore pari a 116.331 euro risparmiati in un anno; incrociando questo dato con la spesa da affrontare per utilizzare un software di gestione documentale si stima che il ROI triennale è di 250 mila euro.


Avvalersene già da oggi di un sistema documentale completo significa arrivare preparati e con gradualità ad un importante cambiamento di offerta sul mercato e sfruttarne da subito i vantaggi in termini di sicurezza, spazio, tempo e denaro.

MIGLIORA LA GESTIONE DEI DOCUMENTI AZIENDALI!

Per sapere come, scarica la tua copia gratuita del White Paper: "Digital Transformation, l’ultimo miglio è il Social Business" 

 

SCARICA LA TUA COPIA QUI

 

Articoli correlati

News

Quali sono le soluzioni per la gestione documentale più diffuse

Per riuscire ad ottimizzare i processi della tua azienda, scopri quali caratteristiche deve avere la soluzione per la gestione elettronica dei documenti più adatta alle tue necessità.

Continua

Eventi

Webinar novembre 2019 | Gestione documentale per settore merceologico

Partecipa al webinar personalizzato per il tuo settore e scopri la tipologia di documenti che puoi gestire, le modalità di utilizzo della piattaforma e i vantaggi delle soluzioni documentali di Top Consult! Iscriviti ora

Continua

News

Come Garantire la trasmissione e la gestione dei documenti in formato UBL XML

Scopri come Garantire la trasmissione e la gestione dei documenti in formato UBL XML e in che cosa consiste la soluzione di Top Consult - Acces Point Peppol certificato.

Continua

News

Digitalizzazione dei processi: gli scenari e le strategie future

Le aziende italiane approcciano la digitalizzazione dei processi sia perché spinte dall'esigenza di essere conformi alle ultime normative, sia per restare competitive. Scopri di più

Continua