News

Il disconoscimento della firma su un documento informatico è un’eventualità da prevenire con un’accurata informazione sulle diverse tipologie di firma elettronica.

 12/05/2018

 News

 5 min.


Il disconoscimento della firma in un documento informatico sottoscritto con firma digitale o elettronica

  Firma Digitale, Firme Elettroniche, Digitalizzazione dei contratti, Firma elettronica semplice, Firma elettronica avanzata, Firma elettronica qualificata

Il documento informatico è stato siglato al termine delle trattative e sembra tutto a posto, ma ecco che all’improvviso la controparte attua il disconoscimento della firma, affermando di non aver sottoscritto quell’atto. Una situazione non inconsueta e che porta dalle sale riunioni direttamente alle aule di tribunale, con tutte le conseguenze negative del caso, come denunce per falso, lungaggini burocratiche, spese legali ingenti, business continuity bloccata in attesa della pronuncia. Sarà il giudice, infatti, a valutare quale iter sia necessario, se la contraffazione risulta comprovata, oppure se si tratta solo di un escamotage per far marcia indietro da parte di un partner commerciale poco convinto e ancor meno onesto. Come in ogni ambito, prevenire è meglio di dover perdere soldi e tempo per tentare di rimediare, soprattutto nell’ambito di grosse transazioni per cui è indispensabile conoscere gli strumenti migliori per tutelarsi. A seconda della tipologia di firma elettronica per cui si opta infatti, ci sono più o meno garanzie: è importante conoscere le differenze e cosa dice la legge al riguardo.

Il disconoscimento della firma in un documento informatico sottoscritto con firma digitale o elettronica

Disconoscimento della firma elettronica in un documento informatico, le differenze

Firmare davvero un documento informatico e poi negare di averlo fatto, oppure scoprire che qualcuno ha firmato per noi a nostra insaputa: sono questi due i contesti in cui può emergere il caso del disconoscimento della firma. Le falsificazioni nella storia dell’uomo si sono sempre fatte, si pensi per esempio allo scrittore romano Fedro che ricorda come venisse contraffatta la firma dello scultore greco di età classica Prassitele per spacciare come pregiate opere d’autore ciò che in realtà non lo era, così come sono all’ordine del giorno le cause giudiziarie per firme olografe ritenute false su testamenti e contratti. Con l’avvento del documento informatico però, le tutele in questo ambito sono per fortuna accresciute, grazie all’utilizzo delle firme elettroniche. Queste soluzioni conferiscono efficacia legale al documento informatico, tuttavia è necessario fare alcune distinzioni sul piano del valore probatorio perché a seconda della tipologia di firma usata le garanzie sono differenti:

  • Firma elettronica semplice: questa tipologia di firma conferisce al documento informatico un valore probatorio che può essere valutato caso per caso da un giudice. Dunque, non è in grado di assicurare l’autenticità e l’integrità del documento, oltre a non garantire che questo possa essere ripudiato. 

  • Firma elettronica avanzata: ha l’efficacia probatoria della comune scrittura privata come regolamentata dall’articolo 2702 del codice civile. 

  • Firma elettronica qualificata: ha la stessa efficacia legale della firma elettronica avanzata ma in più contempla l’inversione dell’onere della prova. Questo significa che se chi la utilizza poi la disconosce dovrà fornire prove convincenti a supporto dell’accusa di falso.

L’articolo 214 del codice di procedura civile prevede che nel caso qualcuno voglia disconoscere la propria firma da una scrittura privata deve formalmente negare di aver sottoscritto quel documento. L’utilizzo della firma elettronica qualificata, categoria di cui fa parte anche la firma digitale, aggiunge a ciò che il firmatario deve fornire prove concrete per dare testimonianza dell’avvenuta contraffazione.

Perché la firma digitale previene il ripudio del documento informatico

Questa particolarità che integra quanto già previsto dalla legge per le comuni scritture private siglate a mano o con firma elettronica avanzata, fa della firma digitale e più in generale della firma elettronica qualificata il miglior strumento per prevenire il ripudio del documento informatico. Va precisato che ciò è dovuto alle caratteristiche tecniche intrinseche della firma digitale che ne fanno uno standard in grado di assicurare elevati livelli di sicurezza. Si basa infatti su due chiavi, una pubblica e una privata. Quest’ultima è in possesso solo del proprietario ed è necessaria per codificare il documento che andrà sottoscritto, mentre l’altra viene usata alla controparte per decodificare lo stesso. Il certificato qualificato che compone la firma digitale rimanda unicamente al proprietario: per questo l’identità del sottoscrittore è sempre sicura.

Disconoscimento della firma: come evitare la contraffazione

Il proprietario della firma digitale che la disconosce deve fornire prove puntuali per accertare che non sia stato lui a sottoscrivere un documento informatico anche quando in effetti dice il vero. Per esempio, ciò è plausibile se il dispositivo che produce la firma digitale, dunque la smart card o il token, è stato sottratto da qualcuno che sia a conoscenza del pin per servirsene. Oppure, nel caso dell’utilizzo della firma digitale remota attraverso un sistema di gestione documentale, questa potrebbe essere utilizzata impropriamente o rubata se il software dovesse essere compromesso. Il titolare della firma digitale potrebbe per esempio fornire al giudice le riprese della videosorveglianza che abbiano ripreso il furto, oppure i log nel caso del software. I consigli per prevenire questi scenari estremi sono più semplici da gestire:

  • Custodire token o smartcard in un luogo sicuro e non accessibile a terzi;

  • Memorizzare il pin code della firma digitale e non fare copie (vietato dunque, per esempio, tenere un post-it con il codice in vista o nel portafogli, pratica in realtà da evitare per qualsiasi credenziale d’accesso);

  • Affidarsi a un provider serio e affidabile, con esperienza nel settore e in grado di garantire alti livelli di sicurezza dei propri sistemi.

Per quest’ultimo punto, è importante verificare che il fornitore scelto sia aggiornato sulle normative in materia, dotato di certificazioni internazionali circa la validità dei propri strumenti e abbia particolare attenzione per la compliance alle regole europee sulla data protection rappresentate in primis dal GDPR.

Scopri la soluzione Top Consult per le firme elettroniche


MIGLIORA LA GESTIONE DEI DOCUMENTI AZIENDALI!

Scarica la tua copia gratuita dell'esclusivo contenuto premium: "Le tipologie di firme elettroniche e il loro valore probatorio", per capire quale firma scegliere in base alla tipologia di documento.

SCARICA LA TUA COPIA QUI

 

Articoli correlati

News

Firmare contratti digitalmente: metodi e strumenti diffusi

Rendere completamente digitale gli interi processi aziendali, comporta la necessità di firmare contratti digitalmente: solo così è possibile ipotizzare il completo abbandono della carta e ottimizzare i tempi di svolgimento delle attività.

Continua

News

Quali sono i vantaggi della digitalizzazione dei contratti

Mai come in questo periodo di emergenza sanitaria legata alla diffusione a livello planetario del virus Covid-19 ci si è resi conto di quanto possa essere utile la digitalizzazione dei contratti, dato che per tutti è stato necessario procedere con le proprie attività da casa, senza possibilità di incontrare altre persone.

Continua

News

Il miglior software per la firma digitale remota, ecco la soluzione Top Consult

Poter sfruttare la possibilità della firma elettronica permette di impostare le attività senza prevedere mai il ricorso alla carta e alla penna, pensiamo per esempio alla digitalizzazione del ciclo dell’ordine, così come di un’assunzione o a tantissime altre operazioni aziendali.

Continua

Eventi

Webinar 6 ottobre 2021 | Firma elettronica e documenti digitali: consigli, best practice e normative di riferimento

Partecipa al webinar il 6 ottobre: gli esperti di Top Consult condivideranno una serie di best practice per evitare errori operativi e di processo che possono poi ricadere sull'attività generale di un'azienda.

Continua